sviluppo economico

Lo sviluppo economico è un settore cruciale per la Cooperazione italiana in Egitto, trasversalmente incluso in diversi progetti. Dal 2014, il governo egiziano ha avviato un programma di riforma, sostenuto dalla Banca Mondiale, dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Africana di Sviluppo, volto a migliorare il settore imprenditoriale del paese e ad organizzare una crescita inclusiva. Queste riforme stanno avendo un effetto positivo sulla crescita del PIL che nel 2015/2016 ha registrato un incremento del 4,3% rispetto ad una media del 2% nel 2010/11-2013/14 (World Bank, 2017). Tuttavia, nonostante gli sforzi del governo, la ricchezza non è equamente distribuita rafforzando le già presenti tensioni condizioni sociali. L’inflazione, causata dalla fluttuazione della moneta, la riforma dei sussidi energetici e altri shock dei prezzi alimentari, hanno colpito significativamente le famiglie egiziane, specialmente i poveri e le fasce più vulnerabili della popolazione e della classe media. La disoccupazione continua ad essere alta e nell’ultimo trimestre dell’anno solare 2016 ha raggiunto il 12,4%, tasso di disoccupazione che aumenta notevolmente tra i giovani e le donne.

La Cooperazione italiana sta lavorando per promuovere uno sviluppo economico sostenibile che incentivi il governo egiziano ad aumentare gli investimenti nel paese a vantaggio delle persone vulnerabili, in particolare di giovani e donne, attraverso iniziative che migliorino le loro capacità tecniche e quindi la loro competitività sul mercato del lavoro. Questi programmi hanno lo scopo di ridurre la vulnerabilità delle famiglie che a causa di shock economici possono perdere il posto di lavoro oppure ricorrere a coping mechanisms negativi come il lavoro minorile matrimonio precoce o forzato e migrazione irregolare.

Attualmente, la cooperazione italiana in Egitto ha due iniziative in corso e due in formulazione.

Le iniziative in corso sono: il programma “Robbiki Leather City” del valore di 6 milioni di euro gestito direttamente dall’Agenzia Italiana per Cooperazione allo Sviluppo al Cairo e “l’Initiatives for local Development of Egypt through the support of Egyptians abroad” (ILDEA) implementato da IOM . Il primo progetto segue l’ambizioso “Programma Robbiki” lanciato nel 2004 dal governo egiziano con lo scopo di: (i) creare un nuovo distretto industriale per la lavorazione della pelle nella zona industriale Robbiki, a circa 50 Km dal Cairo (Robbiki Leather City – RLC); (ii) trasferimento nel distretto di tutte le attività produttive legate alla concia delle pelli che si trovano nella zona centrale del Cairo vecchio di Magra el Eyoun, dove sono lavorate con mezzi di produzione obsoleti e altamente inquinanti. Ad oggi, l’infrastruttura della RLC è stata completata, grazie ad un importante contributo della Cooperazione Italiana. L’iniziativa intende finalizzare quanto raggiunto, attraverso il supporto ai conciatori nella fase decisiva del trasferimento a RLC e alla riqualificazione delle attività di produzione del cuoio. L’iniziativa si focalizza sul supporto alla gestione del Leather Tanning Technology Centre (LTTC) e dalle strutture comuni della RLC. Il secondo programma, ILDEA, mira ad aumentare l’impatto dei contributi finanziari e tecnici degli espatriati egiziani consentendo un reale impegno nelle iniziative di sviluppo delle comunità locali con un importo di 400.000 euro a cui potrebbe fare seguito una seconda fase con un importo aggiuntivo di 550.000 euro.

Le due iniziative in fase di formulazione sono il “Support to Private Sector Development in Egypt” e un programma di linee di credito, da finanziare rispettivamente con un importo di 45 milioni di euro e 12,6 milioni di euro. L’obiettivo della prima iniziativa consiste nel sostenere la creazione di un ambiente favorevole, in grado di garantire lo sviluppo sostenibile e la crescita inclusiva del settore privato e in particolare per le Piccole Medie Imprese (PMI). Il programma della linea di credito sostiene anch’esso le PMI egiziane in collaborazione con il nuovo EDA (ex Social Fund for Development).

Technical Assistance to implement the Robbiki Leather City-RLC Relocation Project